Cancro – Luna

Cancro - Luna

Selene Signora del cielo è forse il simbolo più complesso e ricco dello zodiaco.

Venerata sotto diversi aspetti e con molti nomi, si prestava nell’ antichità a molteplici forme di culto.

Demetra la madre, Kore la figlia giovane, Era la moglie, Afrodite l’amante, Artemide la cacciatrice, Atena la saggia, Persefone la morte.

Tutti questi aspetti vengo sussulti nell’archetipo della Dea MadreLuna, che vergine concepisce il figlio, lo cresce, lo ama e lo perde per cercarlo in seguito, farlo rinascere e con lui fare rinascere tutta la natura a primavera, dopo l’inverno.

Madre di vita, dunque e madre di morte, dea della gravidanza, signora del parto, presiede alla nascita ed alla crescita, allo sviluppo, nel suo aspetto positivo, alla decadenza ed alla morte, nel suo aspetto negativo.

Signora del cielo e della terra, degli animali e della vegetazione, terra ed acqua.
Responsabile del ciclo della vita , della morte e della rinascita.

Signora delle acque, delle sorgenti e dei fiumi, dell’acqua buona che disseta e da saggezza, dell’acqua cattiva che da pazzia e morte.

Dea bianca e dea nera, fertile ed arida, a seconda del ciclo, buona e cattiva, nella diade di madre e di morte, vecchia e giovane, Luna e Lilith, la sua gemella nera

Acqua, liquido amniotico, secrezioni del corpo, sale e saliva, sudore e urine, liquido vaginale, sangue del mestruo. Sporco e pulito, puro e impuro, contaminazione e purificazione. Peccato e redenzione.

Come Iside diventa serva alla corte di un re, come Sophia si prostituisce a Tiro in un bordello, come Vergine partorisce un figlio che ne diventa l’amante e poi muore.

Suo è il percorso di morte e rinascita, di peccato e redenzione.

Non per nulla tra gli appellativi della Sofia Gnostica sono compresi quelli di Prostituta e di Santa.

Suo è il percorso dell’anima tra perdizione e salvezza, quasi non potesse essere una in se stessa senza avere fatto questo cammino, attraverso la polarità verso il suo opposto.

Suo è il sentiero della coscienza dalle ombre dell’inconscio alla luce della conoscenza.

Ma come scrivono i mistici ermetici :
“non puoi conoscere la luce se non sei passato attraverso il buio.”
Non ci si può ritrovare se non ci si è persi.
Non si può arrivare alla coscienza illuminata dell’individuazione se non si è percorsa la buia notte dell’anima.

LUNA:
PARTI DEL CORPO: stomaco, ventre, cervello, polmoni, mammelle, occhi, sistema nutritivo
MALATTIE: podagra, sciatica, idropisia, apoplessia, paralisi, catarri, tremiti, vomiti, fistole, parassiti intestinali
TEMPERAMENTO : linfatico
UMORI : flemma sudori, mestrui
COLORI: azzurro grigio e bianco
METALLI: argento
GEMME: diamante, perle, selenite, quarzo argentana, marcassite
PIANTE: malva, papavero, miosotide, rosolaccio, trifoglio, sassifraga, bella di notte, palma, issopo, olivo , agnocasto
PROFUMI: mirto, lauro, mirra
INFLUENZE FISIOLOGICHE: energie naturali e parti che da loro dipendono
QUALITA’: spirito di luce
FISIOPATOLOGIA: stomaco, vista (occhio sinistro) il gran simpatico, linfa, umori, organi di riproduzione, fisiologia umorale, digestione, trofismo dei tessuti e delle viscere, metereopatie, disturbi digestivi, dispepsia, flatulenza, ptosi stomacale, peritonite, coliche, vomiti, turbe delle vie polmonari, faringite, laringite, debolezza polmonare, bronchite, pleurite, tubercolosi, ipertrofia dei tessuti, ( luna potente) tendenze di posa, turbe della nutrizione, (luna debole) dimagrimento, diabete, adenopatie, disturbi genito- urinari, impotenza, indurimenti ovarici e testicolari, metrite, leucorrea, cancro dell’utero, incontinenza d’urina, gravidanze isteriche

LUNA

a cura di Cristina Tartaglino

POTREBBE INTERESSARTI

Le influenze della luna sull’essere umano

Iside: meditazione lunare

Lilith e la luna nera: la luna in astrologia

.

Precedente Passeggiata notturna a lume di candela - Santhià Successivo Luna