Torino Esoterica: grotte alchemiche




Grotte alchemiche

C’è una Torino sotterranea e misteriosa, chilometri di gallerie che un tempo erano arterie vive della città, rifugi di guerra, di carestia in caso di pericolo.

Dalla cripta della SS. Annunziata e dai sotterranei di Palazzo Madama si accedeva anche alle Grotte Alchemiche.

Questi luoghi di notevole potere all’incrocio di importanti linee telluriche e geomantiche. furono meta di personaggi come Nostradamus, Paracelso, Cagliostro e il Conte di Saint Germain.

Apolonnio di Tyana, grande mago e conoscitore dell’arte occulta nel preparare talismani, nel 93 d.C. circa, nascose in un luogo segretissimo e inespugnabile (la terza Grotta Alchemica) un potentissimo talismano.

Anche i Savoia conoscevano bene i misteri di Torino e alla loro corte erano sempre benvenuti maghi e celebri alchimisti. Lo stesso Emanuele Filiberto aveva un laboratorio alchemico nei sotterranei di Palazzo Madama, da cui aveva accesso alle Grotte Alchemiche.

Secondo gli studiosi di esoterismo, il Tempio Segreto e le Grotte Alchemiche esisterebbero ancora oggi e ingressi e passaggi ben nascosti ne consentirebbero tutt’ora l’accesso.

Precedente Spiriti di Torino Successivo Cagliostro

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.